Manifestazione Nazionale “Il Welfare non è un lusso”

di Sabatino Grasso

Ieri, mercoledì 27 aprile, sono scesi in piazza a Napoli, Roma e Genova, gli operatori sociali delle Cooperative e delle Associazioni riunite nel Comitato “Il welfare non è un lusso”, per una manifestazione nazionale di protesta in favore delle politiche sociali. Al centro della disputa vi è la richiesta al Governo di ripristinare i Fondi Nazionali per le Politiche Sociali, che sono stati sforbiciati di oltre l’80%, passando dai 2 miliardi e 527 milioni del 2008 ai poco più di 545 milioni previsti per il 2011. I manifestanti hanno chiesto anche di definire, una volta per tutte, i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) vale a dire gli standard essenziali di assistenza sociale che devono essere garantiti a tutti i cittadini, indipendentemente dalla Regione in cui abitano, e che compete allo Stato determinare. Il corteo a Napoli è partito da Piazza Dante alle 10.30, per arrivare a Piazza del Plebiscito, mentre a Roma i manifestanti si sono dati appuntamento alle 10.30 presso la Scalinata del Campidoglio e a Genova in Piazza De Ferrari. A Napoli, il corteo è stato attraversato dallo slogan “Non ci lascerete in mutande” e accompagnato da cesti di vimini pieni di biancheria. Una grande piovra in gommapiuma portata in spalla da due operatori sociali stava a rappresentare chi, in maniera sconsiderata, attenta e stritola i diritti delle persone. Infine, un piccolo gruppo di manifestanti è riuscito ad entrare a Palazzo Reale e a srotolare dal balcone che affaccia su Piazza Plebiscito un enorme striscione con la scritta “Il welfare non è un lusso“.

I Commenti sono chiusi


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi