FINANZIARIA 2011: TAGLI DELL’80% ALLE POLITICHE SOCIALI

di Francesco Manzolillo

grafico tagli fondo politiche sociali

La fine del welfare territoriale?

In tre anni – dal 2008 a oggi – i fondi per le politiche sociali hanno subito un calo di quasi l’80%: vale a dire due miliardi di euro in meno da destinare ai progetti e ai servizi per le fasce deboli.
I tagli di spesa della finanziaria 2011 hanno fortemente penalizzato i servizi sociali. Il fondo per la non autosufficienza √® stato azzerato, passando dai 400 milioni di euro del 2010 a 0 per il 2011. Per intenderci, in Italia le persone non autosufficienti sono almeno 2,6 milioni, di cui 2 milioni di anziani. La non autosufficienza riguarda quindi, se le stime non sbagliano, 1 famiglia italiana su 10. I servizi relativi al fondo per la non autosufficienza sono: i servizi domiciliari, i servizi residenziali, i centri diurni. Il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali √® stato ridotto a 275 milioni di euro per il 2011: erano 929,3 nel 2008 e 453,3 nel 2010. Il Fondo per la famiglia, √® passato da 346,5 milioni del 2008 a 52,5 di quest’anno.
Insomma i tagli colpiscono la rete territoriale dei servizi, le politiche giovanili, i bambini, le famiglie, i disabili, gli anziani e tutte quelle esperienze che hanno cercato in questi anni di dare dignità a milioni di famiglie. Colpiscono migliaia di operatori sociali che lavorano quotidianamente per promuovere emancipazione e diritti con stipendi arretrati di mesi.


Fonte: A. Misiani, Finanziaria 2011: fine delle politiche sociali? e legge di stabilità 2011

Approfondimenti: I TAGLI CHE NON FANNO RUMORE di Sergio Pasquinelli

I Commenti sono chiusi


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi